shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

News

GLI AUGURI DEI CAPITANI

Matteo Pacchiarotti: “Eravamo all’inizio di una bellissima avventura, con tanti amici. Ognuno di noi giocatori voleva crescere, imparare ed ascoltare e nei primi anni avevamo la fortuna di poter apprendere da amici come Cristiano Caccia e Stefano Ceccarelli. I Dockers hanno sempre rappresentato passione, divertimento e professionalità. Per motivi di lavoro e famiglia ho dovuto abbandonare la squadra ma ho tanti ricordi che mi legano ai Portuali. Era bello il sabato pomeriggio uscire dal campo esausti ma vittoriosi, così come realizzare la tripletta di venerdì sera in casa del Miciulli primo in classifica. Feci due gol su punizione e uno su rigore, che ricordi. Auguri Dockers, vi ricordo sempre con grande affetto”.

 

Yari Amico: “I Portuali, ieri e oggi, rappresentano una famiglia costituita da persone splendide e preparate con una gran voglia di fare calcio nel modo giusto. Sono il primo tifoso dei Dockers il sabato dalla tribuna, sono rimasto legatissimo all’ambiente e alla società. Da parte mia c’è una grande ringraziamento a chi ha creduto in me e chi mi ha dato la possibilità di condividere anni bellissimi. A chi va un pensiero speciale in questi giorni? A Mirko Pisoni, uno dei fondatori di questa società, a cui mando un grandissimo abbraccio e l’invito a non mollare da parte di tutti noi. Ricordo con grande gioia la vittoria del campionato di Terza categoria, la cavalcata nei playoff di Seconda, fino a quel pomeriggio contro l’Anconitana al Del Conero terminato 4-4 davanti a 1200 spettatori. Da anconetani quella è una giornata che non dimenticheremo mai. Auguri Portuali, e in bocca al lupo per il futuro”.

 

Marco Santarelli: “I Portuali per me sono stati una manna dal cielo. Sono arrivato a settembre 2016, poco dopo che era nato il mio primo figlio, in un momento in cui stava calando quella voglia di giocare e scendere in campo. Poi, grazie ai miei amici di una vita (in particolare Yari Amico e Gigi Pierdica) il fuoco si è riacceso e ho trovato una seconda famiglia ad accogliermi. Parliamo di un gruppo di persone fantastico, persone serie con tante competenze. Come non ricordare la vittoria dei playoff di seconda categoria, una cavalcata incredibile fatta con sacrificio e passione da parte di tutti. Lo scorso anno, la vittoria dei playout con la Castelfrettese è stata un passaggio importante perchè venivamo da una stagione assurda e piena di difficoltà. Speriamo di festeggiare questo decennale abbracciandoci quanto prima. C’è tanta voglia di tornare a vivere lo spogliatoio”.

 

Andrea Savini: “Ho trovato una famiglia, e non è solo una frase fatta. Con i Dockers si è creato subito un rapporto stretto, sembra di stare qui da tanti anni. Cosa ho percepito? Voglia di crescere, di diventare un’eccellenza nella provincia di Ancona. Il fatto di voler programmare e migliorarsi non è un aspetto trascurabile. L’augurio che faccio ai Portuali è quello, un giorno, di arrivare nel più alto gradino regionale quello dell’Eccellenza, attraverso la programmazione e la gradualità necessaria. Sarebbe bello condividere questo percorso dando come contributo la mia esperienza”.

 

Ufficio stampa Portuali Calcio Ancona