shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

News

UN MISTER PER AMICO

C’è qualcosa che va oltre il campo. Un filo sottile, e neanche tanto, che lega le persone e le porta a percorrere la stessa strada per anni. Senza esitazioni. E’ il caso di mister Stefano Ceccarelli che, dei Portuali Calcio Ancona, ha visto e vissuto tutto in quanto fondatore stesso della società. Un rapporto di affetto, un legame saldo e indissolubile. Una storia che ha ancora tante pagine da scrivere.

«I Dockers sono come una seconda famiglia con cui ho condiviso momenti belli e momenti difficili. Ovviamente va considerato anche come un secondo lavoro fare l’allenatore dei Portuali visto il livello psicologico ed emotivo. Se lo dovessi definire lo definirei come un bellissimo giocattolo costruito nel tempo con degli amici. Sono fiero e me ne vanto di questa cosa». Dieci anni lunghi, intensi, vissuti. Dieci anni in cui ci sono state gioie e delusioni, come in ogni storia d’amore:

«I momenti belli sono stati tanti, sono stato fortunato a viverli. La permanenza in Prima categoria dello scorso anno, dopo la finale playout, è stata una grossa soddisfazione perchè venivamo da un anno tormentato e pieno di problemi. Il ricordo più bello è legato alla vittoria dei playoff di Seconda categoria dove partivamo dalla quinta posizione del campionato. E’ stato il momento più esaltante in assoluto. Non sono mancati anche i bocconi amari da mandar giù. Ricordo la retrocessione in Terza categoria, l’anno successivo alla prima storica promozione in Seconda, ad esempio. Quella fu la fase più dura dove si poteva rischiare di mandare tutto all’aria. Fortunatamente le cose non sono andate così».

Quando si festeggiano compleanni così importanti emerge tutto l’orgoglio per la strada che si è percorsa. Lo conferma lo stesso Ceccarelli con le sue parole: «Sono orgoglioso di rappresentare i Dockers perchè, nel tempo, siamo diventati la seconda società calcistica in Ancona attraverso pochi, sani, principi. Tra questi la determinazione e il rispetto delle persone. Di errori ce ne sono stati, ma la vera forza è capire quando si sbaglia e trasformarlo in stimolo per migliorarsi. Ringrazio tutte le componenti che hanno contribuito a questa bella storia, speriamo di festeggiare al più presto tutti insieme. Forza Portuali».

 

Ufficio stampa Portuali Calcio Ancona